“Voglio essere chiaro, non c’è nessun rischio che slittino le assunzioni al primo settembre“. Lo ha detto Matteo Renzi, aprendo la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri  in cui sono state illustrate soltanto le linee guida degli interventi che il governo ha messo a punto per la scuola. L’esame del disegno di legge è rinviato a martedì prossimo 10 marzo. Commentando le polemiche sulla scelta di non adottare un decreto legge, il premier ha aggiunto: “È abbastanza sorprendente: quando facciamo da soli siamo dittotarelli, se coinvolgiamo il Parlamento siamo in ritardo”  di Manolo Lanaro