/ /

Guida autonoma, il Regno Unito dà il via libera alla sperimentazione su strada

di | 11 febbraio 2015
Guida autonoma, il Regno Unito dà il via libera alla sperimentazione su strada
Foto del giorno

Dopo la California, anche il Regno Unito permetterà alle auto senza conducente di circolare sulle strade pubbliche: gli inglesi battono sul tempo i tedeschi, che per ora hanno aperto la sperimentazione solo ad alcuni tratti autostradali. Uno studio commissionato dal governo ha decretato che lo sviluppo della guida autonoma non solo darà alle aziende inglesi un importante vantaggio competitivo, ma permetterà, in prospettiva, di fare risparmiare molto tempo ai lavoratori (sei settimane l'anno per un guidatore medio) e di ridurre gli incidenti, che nel 94% dei casi hanno fra le concause l'errore umano. “Le auto senza guidatore sono il futuro”, ha dichiarato il ministro dei Trasporti Claire Perry nel comunicato ufficiale del governo inglese. “Voglio che la Gran Bretagna sia in prima linea in questo campo”. Secondo il segretario di Stato per gli Affari e l'Innovazione, Vince Cable, l'industria della guida autonoma potrebbe valere 900 miliardi di sterline (1.200 miliardi di euro) entro il 2025. Entro la primavera, sarà pubblicato un codice pratico che fornirà ai costruttori tutti dettagli sulle caratteristiche necessarie affinché i veicoli possano essere testati sulle strade pubbliche. Fra i progetti che beneficeranno di questa nuova apertura non ci sono però solo quelli industriali, ma anche le numerose ricerche universitarie, come Robotcar dell'ateneo di Oxford in collaborazione con la Nissan (nella foto).

Nissan Leaf, l’elettrica fosforescente. Per sensibilizzare all’uso dell’energia solare

»
Articolo Successivo

Toyota Aygo, ora arriva la “x-wave” con il tetto di tela scorrevole

«
Articolo Precedente

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×