Carlo Cottarelli, commissario alla spending review nominato dal governo Letta, prende in prestito un’espressione usata spesso dal premier Matteo Renzi e sorride pensando ai “gufi” che l’hanno ostacolato nel progetto di tagliare la spesa pubblica. “Non posso rispondere, l’elenco è
troppo lungo”, dice Cottarelli che un anno dopo il suo incarico si prepara per tornare negli Stati Uniti: “In un anno di lavoro hanno respinto le mie proposte di spesa, ma senza spiegare il perché, senza dire ‘no perché non è in linea con i principi del nostro partito’”  di Francesca Martelli