Ospite della Festa nazionale de l’Unità a Bologna, il ministro dell’Istruzione annuncia l’arrivo in consiglio dei ministri delle linee guida per la riforma della scuola. “Con Matteo Renzi c’è stato un lavoro comune di mesi”, ha spiegato Stefania Giannini a chi le chiedeva se lei e il premier fossero stati d’accordo su tutto. E a chi le domanda se lei tema nuovi possibili rinvii per la discussione sulla riforma della scuola, dopo quello dell’ultim’ora della scorsa settimana, l’esponente di Scelta civica replica: “Non è stato un rinvio, ma una scelta saggia per non mischiare questo tema con altri temi importanti”. Il ministro risponde anche sulla paventata mancanza di coperture finanziare: “Chiacchiere”. E durante il dibattito un boato di disapprovazione si alza dalla platea quando fa capire che i test Invalsi potrebbero far parte della valutazioni del merito degli studenti anche nella sua riforma  di David Marceddu