Vaccino anti-Aids: l’Italia è prima”, “Aids, la nuova speranza del vaccino made in Italy”. Così l’informazione italiana fece eco a quella che dal 1998 è stata presentata come la ricetta del secolo: un vaccino tutto italiano contro l’Aids, fiore all’occhiello della ricerca da sostenere con uno stanziamento di 49 milioni di euro pubblici (tra ministero della Salute e dicastero degli Esteri). Del resto si era dinanzi a una “grande e autentica missione”, come ebbe a dire nel 2005 la ricercatrice che da almeno trent’anni è considerata all’interno dell’Istituto superiore di Sanità (ISS) la depositaria della svolta: Barbara Ensoli (nella foto), direttore del Centro nazionale Aids. Il punto però è che a 16 anni di distanza il “vero” vaccino, cioè quello preventivo, non si vede, mentre i gli unici risultati raggiunti con sforzi pubblici per la componente terapeutica -di fatto, un nuovo farmaco- rischiano di finire (sotto forma di brevetti) nelle mani di una piccola società chiamata Vaxxit, posseduta per oltre il 60% proprio da Ensoli. 

Che la sorte del vaccino preventivo fosse segnata l’aveva già predetto nel 1995 la comunità scientifica internazionale. Robert Gallo -virologo statunitense che nel 1983 contese a Luc Montagnier la scoperta del virus Hiv – diede conto degli effetti assolutamente modesti del “pezzo forte” della ricetta di Barbara Ensoli: la proteina Tat. Tra chi più si è speso per il vaccino c’è Gianni Letta, che il primo dicembre 2010 va al Tg1 per esprimenre parole di “gratitudine” all’indirizzo del team della ricercatrice. Il sostegno dei vertici dell’Iss -l’allora presidente è Enrico Garaci – è totale.

Ma la “parola di donna” spesa da Ensoli nel 2008 su l’Unità traballa. I risultati pubblicati ad aprile 2014 sulla tabella sullo “stato dell’arte delle sperimentazioni” messa a disposizione dall’Istituto superiore di Sanità sono magri. Il “vaccino terapeutico” (un ossimoro, secondo lo stesso Gallo) è entrato nella seconda fase di sperimentazione su 200 “partecipanti” in Sudafrica ed è attualmente “in corso”, mentre quello preventivo – ripartito dalla prima fase nel settembre 2011 e testato su 11 persone – è stato sospeso il 24 marzo 2014.

Il cammino del vaccino preventivo, dunque, si è di nuovo inceppato. La componente “terapeutica”, invece, ha imboccato la strada che parte dall’Istituto superiore della Sanità e porta a una società dal capitale sociale di 10mila euro costituita nel luglio del 2012: la Vaxxit Srl. Ed è la società cui, a seguito della richiesta della dottoressa Ensoli, è stato attribuito il brevetto del TatImmuneTM – la componente vaccinale in uso nella sperimentazione per il vaccino terapeutico-. Fino alla metà del marzo di quest’anno il 70% delle quote della società fa capo alla dottoressa Barbara Ensoli, cui si affianca, con il restante 30%, la 3 I Consulting Srl, amministrata da Giovan Battista Cozzone. Quest’ultimo è un esperto di brevetti che dal maggio del 2009 ha ricoperto l’incarico quadriennale di consulente dell’ISS in materia di “trasferimento tecnologico” (per un importo complessivo dichiarato di 393mila euro).

All’inizio del marzo di quest’anno il cda dell’Istituto superiore di sanità presieduto prima del commissariamento da Fabrizio Oleari (subentrato nel 2013 ad Enrico Garaci) dà il via libera, concedendo una “opzione di licenza esclusiva (della durata di 18 mesi) per l’utilizzo dei suddetti brevetti”: e cioè i brevetti Tat di proprietà (pubblica) dell’Iss. La decisione è assunta “all’unanimità”, e il ministero della Salute, ora guidato da Beatrice Lorenzin, tace. Del “vaccino preventivo” nessuna traccia ma il settore pubblico – l’Iss, il contribuente – posticipa addirittura ogni “negoziazione dei relativi accordi economici”.

La costituzione della Vaxxit è definita “coerente” con il disciplinare che regola gli spin-off dell’Istituto e il duo Ensoli-Cozzone inizia a cercare capitali (40 milioni di euro) sul mercato. E per farlo chiama nella compagine di Vaxxit otto nuovi soci. C’è il fratello di Ensoli, Fabrizio, l’ex marito e – tra gli altri – il più grande fondo di fondi canadese (Teralys capital) e una multinazionale del credito con domicilio nello Stato Usa a fiscalità agevolata del Delaware (la Ferghana Securities Inc).

A maggio, però, il mensile Altreconomia dà conto dell’operazione allora ancora sotto traccia e un’interrogazione parlamentare di Emilia De Biasi (Pd), presidente della commissione Igiene e sanità del Senato, rompe il giocattolo. Il 10 giugno l’ISS è costretto a un passo indietro, ritrovandosi a dover dichiarare “non idonea” la delibera del 4 marzo con la quale aveva giudicatola costituzione della società Vaxxit  “coerente” con il disciplinare dello spin off. Tocca ripartire da capo.

La retromarcia dell’ISS è mal digerita da Barbara Ensoli, che giunge a “diffidare” formalmente quell’ente che l’ha sempre sostenuta, definendolo ai primi di luglio un coacervo di “dinosauri” che al primo inciampo si è “cagato sotto”. “Sono l’anticristo”, aggiunge nel corso di una conferenza organizzata il 10 luglio a Bologna da Associazione Plus onlus, e “ho anche paura fisica”.

A chi le contesta l’ossimoro “vaccino terapeutico” il capo del Centro nazionale Aids ribatte nel 2014 con un “discorso filosofico” giudicato “sconvolgente” da Vittorio Agnoletto, medico, ricercatore, già fondatore e presidente della Lega italiana per lotta contro l’Aids (Lila) nonché autore del libro inchiesta “Aids, lo scandalo del vaccino italiano” (Feltrinelli 2012). “Si chiama preventivo perché va nel soggetto sano, si chiama terapeutico perché va nel soggetto già infettato -ha detto Ensoli-. Mica deve essere un prodotto vaccinale differente”. Quel che conta, secondo la ricercatrice, è il “concetto patogenetico”, indipendentemente dal fatto che il soggetto ricevente sia sano o infettato. “Dov’è la differenza?”. Semplice: avere un vaccino o non averlo del tutto. Un po’ come aver potuto contare su 30 milioni di euro circa di sostegno (e sforzo) pubblico o meno.

di Duccio Facchini