FinecoBank, la banca online del gruppo Unicredit che si è quotata a Piazza Affari all’inizio di luglio, ha chiuso il primo semestre dell’anno con una crescita di clienti e raccolta netta. Tra gennaio e giugno la clientela è aumentata di 54mila persone (+17%), portando il totale a oltre 930mila, e i fondi raccolti del 31% rispetto allo stesso periodo del 2013, a 2 miliardi di euro. Nello stesso periodo la società, che dispone di quella che secondo Unicredit è la piattaforma di trading online più utilizzata in Italia, ha eseguito 12,8 milioni di ordini, con un incremento del 9,2% rispetto al primo semestre 2013.

Rispetto al prezzo di collocamento, fissato a 3,7 euro, nella prima giornata di contrattazioni (2 luglio) il titolo era salito in zona 4 euro. Il 21 luglio ha chiuso a quota 4,10. Dopo la quotazione e l’esercizio dell’opzione di acquisto (in gergo greenshoe), l’istituto di piazza Gae Aulenti è sceso sotto al 65,5% dell’azionariato. Il corrispettivo della vendita del 34,5% è stato, per la banca guidata da Federico Ghizzoni, di 774 milioni di euro.