Non solo Matteo Renzi non accetta “ricatti sulle riforme”, ma dal palco dell’assemblea del Partito democratico, il segretario-premier risponde all’uscita del senatore ribelle Corradino Mineo che gli aveva dato del bambino autistico: “Di me dire quello che vi pare, ma quella frase ha offeso quelle famiglie che hanno un figlio disabile. Non è giusto per chi vive una situazione di sofferenza”  di Annalisa Ausilio