Dopo 5 anni di prigionia in Afghanistan, il sergente statunitense Bowe Bergdahl è stato rilasciato in cambio della liberazione di 5 detenuti di Guantanamo. Come riporta il Washington Post, l’unico prigioniero di guerra americano nelle mani degli afghani è stato prelevato dalle forze speciali americane in elicottero e trasferito nell’est del paese. Il trasferimento è avvenuto dopo una settimana di intense trattative, con la mediazione del governo del Qatar, che prenderà ora in custodia gli afghani. L’uomo, tenuto prigioniero dal giugno 2009, sembra in buona salute e ora è atteso a Bagram Airfield, la principale base americana in Afghanistan, prima di poter fare ritorno negli Stati Uniti. 

Grande soddisfazione da parte del presidente Barack Obama, che ha dichiarato: “Sono onorato di aver potuto chiamare i suoi genitori”. La liberazione di Bergdahl testimonia “l’impegno dell’America per non lasciare nessun uomo o donna in divisa sul campo di battaglia”. Poi ha rivolto un pensiero a “tutti gli altri americani” ancora prigionieri e per i quali “continuiamo a chiedere il rilascio”.