Ennesimo crollo nel centro storico di Palermo. Intorno alle sei del mattino un intero palazzo disabitato in via Terre delle Mosche, all’interno dello storico quartiere della Vucciria, si è sbriciolato su se stesso. “Ci sembrava un terremoto: Ma siccome già mesi fa era successa una cosa simile, poi abbiamo capito che si trattava di un crollo” racconta una ragazza residente nella zona. Il 5 febbraio infatti un altro palazzo fatiscente era crollato nella vicina Piazza Garraffello. “Rumore di calcinacci, di ferro, abbiamo capito che era crollato quel palazzo pericolante, ma non sapendo in che modo fosse avvenuto il crollo abbiamo avuto paura” dice un altro residente. “Il comune di Palermo? Non ci ha dato nessuna comunicazione ufficiale”. “Non si dica che il Comune non ha fatto niente – replica invece il vice sindaco Emilio Arcuri – i primi interventi ci sono stati. Qui c’è un tessuto fragilissimo: si doveva avere un passo adeguato. Ma questi signori del crollo sono stati denunciati per inadempienza”. Mesi fa la Procura di Palermo ha aperto un’indagine su tutti gli edifici a rischio crollo del centro storico: in totale sono più di 300, quasi tutti di proprietà privata  di Silvia Bellotti e Giuseppe Pipitone