Grillo è un esperto sul non entrare in prigione, perché con colpa ha ucciso tre amici. E’ stato condannato per omicidio plurimo colposo a 14 mesi e quindi è un pregiudicato e un assassino”. Lo afferma Silvio Berlusconi, ospite de “L’aria che tira”, su La7. “Grillo” – continua – “è conosciuto in tutto il mondo dello spettacolo come uno che non faceva i suoi show se non veniva in gran parte pagato in nero. L’ha denunciato un coraggioso imprenditore, tutti i giornali hanno fatto finta di non sentire, tranne un giornale che ne ha dato notizia. Vedere questo signore che fa il moralista in tv è qualcosa che francamente mi disturba”. Il leader di Forza Italia aggiunge: “Dopo ieri sera, vedo che c’è troppa gente che non capisce la pericolosità di quello che sta avvenendo nel nostro Paese. La storia” – prosegue – “ci insegna che i regimi autoritari nascono in Paesi che sono in un momento di crisi, dove aumentano povertà e disoccupazione e le regole della democrazia sono obliterate. E’ l’esatta fotografia della nostra Italia oggi. Non siamo più una democrazia, in 20 anni abbiamo subito 4 colpi di stato