“Se ho paura che possa succedermi qualcosa? Certo, ma sono convinto di aver fatto la cosa giusta. So che Dio mi proteggerà”. A parlare è Benjamin, il giovane nigeriano che lo scorso primo febbraio, a Napoli, ha fermato uno scippatore a bordo di uno scooter, recuperando la refurtiva rubata a una donna. Il tutto mentre gli altri passanti restano a guardare senza intervenire. “L’ho fermato perché quando vedo qualcuno che prova a rubare quello che non è suo – dice Benjamin, che per sopravvivere spesso è costretto a chiedere l’elemosina – non riesco a stare fermo a guardare. Lì c’erano molti testimoni e io gli dicevo di chiamare la Polizia, ma nessuno lo faceva e alla fine il ladro è riuscito a scappare (poco dopo il malvivente è stato comunque arrestato, ndr). In Nigeria queste cose non succedono: da noi se c’è un ladro lo si rincorre e lo si consegna alla polizia”. “In Italia mi è capitato più volte di vedere scippi senza che la gente intervenga. Non è giusto: si dà ai ladri il potere di rubare ancora”  di Andrea Postiglione