“L’obiettivo nostro è l’analisi del caso. Stiamo raccogliendo i documenti e fino a che non è terminata l’istruttoria non intendo rilasciare altre dichiarazioni su questo aspetto”. Il ministro del Lavoro Enrico Giovannini commenta così, a margine di un convegno McKinsey&Company a Milano, il caso di Antonio Mastrapasqua. Il presidente Inps è, infatti, indagato per truffa, falso ideologico e abuso d’ufficio per presunte cartelle cliniche truccate e fatture gonfiate dell’Ospedale Israelitico, di cui è direttore generale, per un giro di 85 milioni di euro. Il ministro non ha voluto, poi, rispondere a chi domandava se non ci si fosse accorti che accumulando cariche si potesse incorrere in un forte conflitto d’interessi. Giovannini non risponde ai cronisti nemmeno quando viene incalzato sul caso Electrolux. “La situazione è estremamente importante e difficile”, ha detto che ha confermato che il ministro per lo sviluppo Flavio Zanonato ha convocato per domani alle ore 15 un tavolo con azienda, sindacati e Regioni coinvolte. “Il ministero del lavoro – ha detto Giovannini – è di sostegno a queste iniziative per assicurare il superamento delle difficoltà e assicurare soprattutto i posti di lavoro, che sono importanti non solo per le persone ma – ha concluso il ministro – per il capitale umano di cui questo Paese dispone”   di Alessandro Madron