Nasce online la nuova Ferrari, alla presentazione trasmessa in diretta sul sito della scuderia di Maranello. Si chiama F14-T e il nome lo hanno scelto un milione di persone in rete. Certo, un omaggio all’anno in corso, al numero scelto da Alonso per correre, ma soprattutto una geniale mossa pubblicitaria – anche se non si può dire – in cui la “effe-quattordici-turbo” si presenta come F14T e si legge FIAT. Altro accorgimento, quello di giocare con numeri e lettere, mutuato dal linguaggio della rete.

Molto diversa per obbligo (vedi il nuovo regolamento della F1 in vigore da questa stagione) e per volontà dalla F138 dello scorso anno, la sessantesima monoposto costruita dalla Ferrari, nome identificativo interno del progetto 665, è unanimemente considerata anche molto bella. Se sarà anche veloce e capace di tenere lo si vedrà solo in pista, a partire dai primi test a Jerez della Frontera dal 28 al 31 gennaio. Esteticamente spiccano la banda laterale bassa nera sulla nuovissima scocca di carbonio e il muso, molto largo e schiacciato a terra per rispettare l’altezza massima di 18 cm senza dovere aggiungere appendici vari. Poi tutta una serie di modifiche tecniche, dai freni allo scarico, dal telaio alla trasmissione, da integrare con il motore turbo imposto dal regolamento – come non accadeva dal 1988 – che ha prodotto un cambiamento radicale nella progettazione di tutte le macchine per la stagione 2014.

Nuova la macchina, nuovo il direttore tecnico James Allison e parte dello staff agli ordini del dg Stefano Domenicali, sono vecchie invece molte delle facce tra chi è rimasto, chi è ritornato e chi non se ne è mai andato, come il presidente Luca Montezemolo che ha dettato la linea per il nuovo anno. “E’ una squadra rinnovata, concentrata, con due piloti molto forti, veloci, consistenti in gara, esperti, sanno che devono correre non per loro stessi ma soprattutto per la Ferrari – ha detto Montezemolo – Domenicali ha molto rinnovato la squadra, sono convinto che ci siano le condizioni per fare bene. Siamo stufi di arrivare secondi, siamo gli unici al mondo di cui quando arrivano secondi si parla di fallimento, ho chiesto ai miei di mettercela tutta, ho molta fiducia. Aspettiamo le prime prove per avere un vero quadro della situazione, ma sono convinto che già nelle prossime settimane si vedranno i veri valori in campo e vorrei una Ferrari ai massimi livelli”.

“Sono passati un po’ di anni da quando sono qui, e speriamo che questo 2014 vada bene e sia la volta buona – ha detto invece Fernando Alonso – ci sono stati cambiamenti delle regole, che modificheranno lo stile di guida e siamo tutti curiosi di vedere come andremo. Io e Kimi la coppia migliore? Io e lui abbiamo avuto successo in passato, ma ora si parte da zero, se non facciamo tutto perfettamente un altro team ci starà davanti”. Ottimista, come in ogni presentazione che si rispetti, anche il suo nuovo compagno di squadra Kimi Raikkonen: “È stato bello tornare alla Ferrari dopo tanti anni, siamo qui per vincere il titolo, abbiamo fatto un grande lavoro per questo. Siamo la squadra più forte, dobbiamo esserlo, entrambi vogliamo vincere, aspiriamo tutti al massimo risultato e credo che saremo abbastanza veloci per vincere il titolo”. Twitter: @ellepuntopi