“Dalle assemblee nelle fabbriche abbiamo fatto votare i lavoratori e diciottomila hanno detto sì ad un documento che domani sottoporremo a Fiat per discutere di investimenti e modelli in Italia”. Maurizio Landini in conferenza a Roma fa il punto, dopo la conclusione della trattativa, che ha portato Fiat ad avere il 100% del gruppo Chrysler, definita dal leader della Fiom: “Una brillantissima operazione finanziaria, per Marchionne missione compiuta” – ma accusa Landini – “mentre in questi anni sono diminuiti i salari dei lavoratori italiani e americani, l’unica cosa che non è diminuita sono i dividendi della famiglia Agnelli, ora ricapitalizzi e torni ad investire in Italia”. Al governo, la Fiom chiede che: “Letta in prima persona convochi ufficialmente azienda e sindacati per discutere sulle strategie industriali e per restare un Paese industriale”  di Manolo Lanaro