Queste nuove rivelazioni sono un fatto gravissimo. Il ministro ha mentito, si dimetta”. Così, il deputato del M5S, Alfonso Bonafede, non ha dubbi sulle nuove intercettazioni secondo cui ci sarebbe un’altra telefonata tra il Guardasigilli, Anna Maria Cancellieri e Antonino Ligresti avvenuta il 21 agosto, il giorno prima dell’interrogatorio di Giulia Ligresti con il pm di Torino. “Noi – dice Bonafede – insestiremo con la nostra mozione di sfiducia che si voterà la prossima settima. La politica deve capire che non ci possono essere cittadini di serie A e di serie Z”. “La vicenda Cancellieri – conclude – non deve essere una vicenda di fronte alla quale la politica dovrebbe fare un passo indietro, vergognarsi e far capire ai cittadini che ogni tanto le dimissioni posso essere un atto di dignità”  di Manolo Lanaro