Futuro incerto per Linea Gialla e per Salvo Sottile. Il programma – in onda su La7 in prima serata ogni martedì, dal 17 settembre – si conferma, dopo otto puntate, campione negativo di share: si attesta sotto il tre per cento di media. E ora si aggiunge un’altra grana per Urbano Cairo, patron della rete: esce definitivamente dalla squadra Fiore De Rienzo, ex inviato di punta del programma di Rai3 Chi l’ha visto?. Così dopo essere stato scalzato dal ruolo di capo-progetto ai primi di ottobre, ora il giornalista voluto dal direttore di rete, Paolo Ruffini, è fuori dalla trasmissione. Strappato in estate a viale Mazzini grazie ad un oneroso contratto biennale, i contrasti tra lui e Sottile sono emersi già dopo le prime puntate. De Rienzo a ilfattoquotidiano.it conferma d’aver lasciato: “Sono fuori da Linea Gialla dalla terza puntata”.

L’autore non dice altro e glissa sui motivi per i quali è fuori dalla trasmissione. Eppure, la puntata numero tre è andata in onda il primo ottobre, ma De Rienzo è comparso nei titoli di testa fino alla sesta puntata, quella del 22 ottobre. La separazione sembra nascere proprio dallo share: gli ascolti sono così deludenti che Sottile non ci sta e si rende protagonista di una lite furibonda con l’ex inviato della Sciarelli. La situazione è fuori controllo e Sottile cerca, almeno mediaticamente, di non far emergere all’esterno quanto tesa sia la situazione dietro le quinte: sul suo profilo Twitter pubblica una foto che lo ritrae abbracciato con gli autori, De Rienzo e Giovanni Filippetto. E scrive: “Tutti insieme per la terza puntata di Linea Gialla”. Al termine della trasmissione, però, l’autore abbandona il programma.

L’ex conduttore di Quarto Grado (Rete4) sulla vicenda non intende rilasciare alcun commento, ma da La7 fanno sapere che “l’interruzione del rapporto tra l’azienda e Fiore De Rienzo, è avvenuta consensualmente ed è indipendente dagli ascolti del programma”. Inoltre precisano: “Salvo Sottile non è in nessun modo responsabile dell’allontanamento di De Rienzo da Linea Gialla”. Certo è che tra i nuovi talk de La7 è quello che si piazza ultimo in classifica. E l’ultima puntata di martedì scorso ha incassato un misero 2,78% e circa 400mila telespettatori. Con cifre così basse, il progetto è da rivedere. L’editore, Cairo, in un’intervista rilasciata la settimana scorsa al Corriere della Sera, fa un bilancio della situazione dei conti dell’emittente comprata da Telecom a marzo. Ammette che Linea Gialla non è ancora all’altezza delle aspettative previste, non parla chiaramente di flop, ma dichiara: “Il risultato in valore assoluto non è ancora quello che vorremmo”.

Ma c’è di più. Con valori così bassi, Cairo tenta di salvare un genere, quello della cronaca nera, sul quale ha puntato molto per fare ascolti significativi e profitti. Vuole così portare a La7 un altro big della Rai. Secondo le indiscrezioni il nome prescelto, e il sogno proibito dell’editore piemontese, è quello di Franca Leosini. Regina incontrastata del genere, ideatrice, autrice e conduttrice di Storie maledette e Ombre sul Giallo su Rai3. Tentativi per ora vani visto che anche Sky, per i canali Fox, ha provato senza riuscirci ad accaparrarsi la giornalista. La Leosini ha legato la sua immagine alla terza rete Rai e solo di fronte ad un progetto davvero convincente e di spessore, potrebbe pensare di sciogliere un legame che sembra indissolubile, nonostante le generosissime offerte di Cairo.