Da settimane Roberto Formigoni è sempre presente in tv e sui giornali. E’ stato inseguito, invitato, intervistato e coccolato come un protagonista politico di prima grandezza. Insieme a lui, i ministri Maurizio Lupi e Mario Mauro. Nel momento della quasi-crisi di governo e della quasi-rottura con Silvio Berlusconi, si è reso visibile il partito di Comunione e liberazione, schierato in prima fila in difesa del governo di Enrico Letta, ancora prima che Berlusconi, con un colpo di teatro dell’ultimo minuto, decidesse di far votare a favore dell’esecutivo. Insieme a loro vanno, infatti, aggiunti al Senato Francesco Colucci (ex socialista), e alla Camera: Paolo Alli (Cl), Maurizio Bernardo (ex socialista) e Raffaello Vignali (ex presidente della Compagnia delle Opere). Con Bernhard Scholz, presidente della Compagnia delle opere, che esce dal silenzio per ribadire che all’Italia “serve stabilità politica”: ossia “grandi intese per le riforme”, pensando “al bene comune”. Del ruolo che questo nuovo gruppo riuscirà a conquistarsi Stefano Feltri ne parlerà in diretta streaming dagli studi del FattoTv con Marco Marzano (prof. di Sociologia presso l’università di Bergamo e autore del libro “Missione impossibile. La riconquista cattolica della sfera pubblica”), Francesco Antonio Grana (ilfattoquotidiano.it) e Matteo Winkler (avvocato e blogger de ilfattoquotidiano.it). Per Twitter gli hashtag sono: #FattoTv #riscossaCL #Letta

GUARDA LA DIRETTA