“Se non ci fosse la legge Severino si dovrebbe dimettere lo stesso“. Così Stefano Fassina, il viceministro dell’Economia, ha commentato la questione dell’agibilità politica di Silvio Berlusconi, a margine della festa del Pd di Milano. “E’ diventata patologica – ha detto a margine della festa del Pd di Milano – l’attenzione alla giunta delle elezioni ma per quanto mi riguarda Berlusconi si dovrebbe dimettere in quanto condannato”. Fassina affronta anche la questione politica del Pd. “Faremo un congresso vivace e costruttivo e ci confronteremo”, ha detto il viceministro, commentando la candidatura di Matteo Renzi come segretario del Pd. A domanda “Lo vede come segretario?”, Fassina risponde: “Non lo devo vedere io ma gli iscritti e chi voterà per scegliere il candidato. Siamo un partito democratico e sarà un’occasione importante per il Paese”. E per quanto riguarda la politica finanziaria dichiara: “Io la riforma dell’Imu l’avrei fatta diversamente”  di Fabio Abati