A tre settimane dalla pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali, a Roma, voluta dal sindaco della Capitale Ignazio Marino, non si spengono le polemiche fra commercianti, turisti, tassisti e romani divisi fra favorevoli e contrari alla chiusura del traffico. “Noi neanche ce ne siamo accorti – dicono due turisti – visto che alla fine passano taxi, pullman,autobus turistici e Ncc. Sembra una strada aperta al traffico”. Fra chi ripete che “andrebbero migliorati i mezzi pubblici” o “non è questa la priorità di Roma“, i commercianti delle strade interessate dal piano (come Via Labicana) lamentano un drastico calo di clienti e accusano Marino di non ascoltare le loro esigenze. “Non ci si può più fermare con la macchina, questa strada è irriconoscibile – dice un dipendente di un bar – e le entrate sono diminuite dell’80%. Se continua così non riusciremo più a coprire le spese”. Stessa situazione per un tabaccaio poco distante. Ma c’è anche chi approva la novità “perché bisogna imparare a lasciare la macchina a casa”  di Annalisa Ausilio