Sabato sera la polizia ha sequestrato il pianoforte e l’automobile di Davide Martello, il musicista italo-tedesco che per diverse sere con le sue note ha incantato gli occupanti di piazza Taksim. “Sono venuto a Istanbul per portare un po’ di serenità con la mia musica – racconta il pianista – Ero a Sofia per dei concerti, ho caricato tutto in auto e sono andato direttamente in piazza Taksim. Ho suonato per tre notti, 13 ore al giorno senza pausa”. Adesso il suo pianoforte è in un deposito giudiziario, assieme a tutto quello che Martello aveva portato con sé: “Ho bisogno di riavere il mio strumento, senza di quello non posso vivere. Non vedo l’ora di riaverlo e andare via, gli scontri si stanno allargando a tutta la città, non so come andrà a finire”  di Cosimo Caridi