Sul Mitte ci trovi un po’ di tutto. Cronaca, politica, tecnologia e spettacoli. Puoi leggere la storia della fiorista morsa da un ragno gigante, news sulle riforme sociali in Germania e tutto sui migliori concerti del fine settimana. Ovviamente a Berlino. Perché Il Mitte è il primo quotidiano online per italofoni dedicato alla capitale tedesca. L’idea, nata un anno fa, è di Valerio Bassan, 25 anni, giornalista e documentarista, ed Elena Brenna, 26, laureata in Economia per le arti, la cultura e la comunicazione alla Bocconi e con un master in fotografia. 

“L’Italia ha un grave difetto – osserva Bassan – quello di stroncare i sogni sul nascere”. Perché se è vero che creare un analogo del Mitte a Milano o a Roma non sarebbe del tutto impossibile, nel Belpaese è comunque più difficile che altrove. “Sappiamo bene in che condizione sia il mondo del giornalismo in Italia – spiega Bassan – Le grandi testate arrancano e molte nuove avventure editoriali nascono senza un progetto giornalistico concreto e una  copertura economica che possa garantirne la sopravvivenza”. E così lui, stanco della vita del freelance e di uno Stato “che ho sempre sentito politicamente poco mio”, ha deciso di cambiare aria, insieme con la fidanzata Elena. Addio al precariato della grigissima Milano. Destinazione Berlino. Che forse non sarà l’Eldorado, “ma almeno è una città accogliente e che offre l’opportunità di realizzare un progetto a chia abbia la capacità di coglierla. L’importante è arrivare qui con un’idea ben chiara in testa”. Come hanno fatto loro.

Già prima di partire Valerio ed Elena si erano buttati anima e corpo nel progetto. Un progetto di informazione in lingua italiana rivolto principalmente a quei 60mila connazionali che vivono più o meno stabilmente nella capitale tedesca. Il sito propone un giornalismo glocal, a metà tra il locale e il globale, attento a piccoli e grandi fatti di cronaca interessanti anche al di fuori dei confini nazionali. Il risultato è un successo. Il Mitte oggi fa registrare in media 50mila accessi al mese e oltre ai lettori ha conquistato i media e l’Institute of Cultural Diplomacy dove si è tenuta una presentazione ufficiale del sito. Merito anche di Facebook e Twitter attraverso cui Bassan e Brenna mantengono un filo diretto con i lettori. Attraverso concorsi, sondaggi, esperimenti di giornalismo partecipativo. Una via, anche questa, per attrarre utenti, conquistare inserzionisti pubblicitari e mantenere il sito gratuito. Almeno per il momento. Un riscontro positivo che, secondo gli ideatori, è frutto di un approccio umile nei confronti della città e dei suoi abitanti. “Qui c’è gente che vive in Germania da anni ed è testimone di cambiamenti politici e sociali epocali. Noi stiamo imparando a conoscere Berlino giorno dopo giorno. La strada è ancora lunga, ma non molliamo”.

(foto di Alessandro Contini, dalla pagina Facebook de Il Mitte)