Grillo rappresenta un populismo sfrenato, con l’aggiunta di qualche idea pazzoide. E’ l’unico attore della scena politica italiana che preoccupa veramente in America“. Così Edward Luttwak, storico e analista di geopolitica e intelligence, ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24, ha voluto smentire la notizia secondo la quale l’ambasciata degli Usa in Italia guarda con simpatia al Movimento 5 Stelle. “Grillo” – continua l’opinionista statunitense – “è lo stesso che ha difeso il presidente iraniano Ahmadinejad, dicendo che è stato mal tradotto in Occidente”. E imbastisce un paragone con gli altri leader politici italiani: “Berlusconi esprime la volontà di ridurre le tasse, Monti quella enfatizzare il valore di un bilancio sano e della credibilità, Bersani rappresenta la speranza di un certo tipo di riformismo. Grillo invece” – prosegue – “rappresenta il populismo, il politico che dice: ‘io ti riduco le tasse e aumento le spese’, cosa che non si può realizzare”. E precisa: “Il populista è quello che ti promette l’impossibile sempre urlando, mai parlando, per non farti fermare e pensare quello che dice” di Gisella Ruccia