Il neo candidato del Pdl al Senato, Domenico Scilipoti, inizia la sua campagna elettorale col ‘botto’: il 10 novembre scorso il suo “Movimento di Responsabilità Nazionale” ha organizzato a Fiuggi la prima convention dei giovani del partito ma non ha saldato il conto. Una due-giorni a spese del Movimento – racconta il Corriere della Calabria, che per primo ha dato notizia della cosa – ma al Grand Hotel Palazzo della Fonte mancano all’appello circa 9mila euro: “Dopo aver versato una caparra da mille euro al momento della prenotazione – spiega il titolare dell’albergo, Giorgio Paolini – il professore Armando Wood, segretario organizzativo del Movimento di Responsabilità Nazionale, prima di lasciare Fiuggi ha consegnato un assegno di 8690 euro risultato fasullo. Dalla banca ci hanno comunicato che la firma in calce all’assegno è illeggibile e non corrispondente a un conto corrente attivo”.

Una convention iniziata di sabato, un’occasione favorevole per radunare un bel po’ di giovani, con una serie di dibattiti durata un intero pomeriggio, aperta e chiusa dallo stesso Scilipoti. A seguire una ricca cena e il pernottamento per i fedelissimi che, pur di non perdersi il battesimo ufficiale del Movimento, hanno deciso di recarsi a Fiuggi affrontando un lungo viaggio.

L’ufficio contabile della struttura alberghiera, dopo la sorpresa iniziale, ha tentato, invano, di mettersi in contatto con i ‘responsabili’ del partito di Scilipoti. Dei soldi reclamati, almeno fino ad oggi, non c’è traccia e l’imprenditore alberghiero si è dovuto rivolgere ad un legale per vedere riconosciuto quanto gli spetta. “L’avvocato Giorgio De Santis del foro di Frosinone – comunicano dalla direzione dell’Hotel – sta compiendo tutti gli atti necessari per consentire il recupero di quanto dovuto dallo Scilipoti. Questo sia in sede civile che in sede penale, per chiedere alla competente Procura della Repubblica di verificare se a carico del Wood e dello Scilipoti sia ipotizzabile il reato di truffa aggravata, visto che i soggetti in questione si sono giovati dell’evento organizzato eludendo il pagamento attraverso il raggiro dell’assegno privo di copertura”.

Tra i punti del manifesto del Movimento si legge “Responsabilità è dare maggiore riconoscimento allo sviluppo economico investendo sulle ‘intellighentie’ e le imprese con particolare attenzione a quelle medio piccole, in una Italia bramosa di rinnovamento”: pagargli il conto sarebbe già un primo passo.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO 

Egregio Direttore,

la presente per contestare l’articolo pubblicato sul vostro sito dal titolo “Fiuggi, convention per i giovani di Scilipoti ma il responsabile non paga il conto”  
Nello stesso vengono riportate notizie non rispondenti alla realtà, è pertanto opportuno precisare che la mia segreteria non ha mai ricevuto dal Grand Hotel Palazzo della Fonte alcuna fattura inerente il convegno e non è altresì mai stata contattata dai responsabili della struttura alberghiera.
Comunque, va da sè, che ove ci fossero sospesi sarà mia cura  saldarli previo presentazione di regolare fattura.
Certo che vorrà pubblicare questa mia precisazione, al fine di fornire una corretta informazione ai vostri lettori, l’occasione mi è gradita per inviarle i miei migliori saluti.

Cordialmente

On. Domenico Scilipoti