L’ex presidente Acli Andrea Olivero, capolista in Piemonte al Senato con la lista capitanata da Mario Monti è stato ospite della diretta della web tv del Fatto. Assieme a lui sono intervenuti Claudio Figini, presidente della Cnca (Coordinamento comunità d’accoglienza) Lombardia e i colleghi Fabrizio D’Esposito e Lorenzo Galeazzi. Tanti i temi sul piatto: dall’intesa Monti-Bersani contro Berlusconi ai possibili scenari futuri del post voto; dall’articolo 18 fino all’imminente scadenza del decreto emergenza Nord Africa. In merito al dibattito attorno alla legge cardine dello Statuto dei Lavoratori, l’esponente montiano sostiene che sui “fondamentali” la pensa come la sinistra, ma “bisogna attualizzarlo, perché la cosa da difendere è la continuità di reddito, anche in presenza di più contratti”. Sull’emergenza migranti che scoppierà quando, il 28 febbraio, scadrà anche la proroga di due mesi concessa dal governo, Olivero è chiaro: “Il ministro Riccardi conceda ancora del tempo”. E poi, sollecitato dai giornalisti del Fatto dice: “Disponibile a continuare l’operato del ministro alla Cooperazione anche in una coalizione di centro-sinistra”