La depressione che si manifesta molto avanti nell’età aumenta il rischio di demenza. La ricerca dell’Università di Amsterdam è stata pubblicata sulla rivista Archives of Neurology. Gli studiosi hanno scoperto che la depressione, oltre i 65 anni di età, ha una correlazione con la comparsa di sintomi di lieve peggioramento cognitivo e aumenta il rischio di ammalarsi di demenza.

I ricercatori hanno coinvolto nello studio 2.160 soggetti. ”Abbiamo scoperto che la depressione era legata a un maggiore rischio di lieve peggioramento cognitivo e di demenza”, ha spiegato Edo Richard, che ha condotto lo studio. Una depressione di base era associata con prevalente lieve peggioramento cognitivo e con demenza indicente, ma non con lieve peggioramento cognitivo incidente. I pazienti con una coesistente depressione e lieve peggioramento cognitivo avevano anche un più alto rischio di progresso verso la demenza, soprattutto verso la demenza vascolare, ma non verso l’Alzheimer.