L’ex procuratore della Dia racconta la sua versione dei fatti sulla trattativa Stato-mafia