“Domenica, al ballottaggio delle primarie del centrosinistra, voterò Bersani, mi è più simpatico“. Lo annuncia Emilio Fede ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio 24. “Sarà per l’età” – continua, scimmiottando il cognome del sindaco di Firenze – “ma preferisco Bersani, ha sempre accettato i miei inviti al Tg4. Renzi invece non è mai venuto perchè si vergognava per via della sua visita ad Arcore“. E aggiunge: “In realtà molti politici si vergognavano di venire da me, anche del Pdl. Tanta gente, ma la riconoscenza non esiste”. L’ex direttore del Tg4 ammette poi il flop registrato dalla presentazione del suo movimento politico, “Vogliamo vivere”, e giustifica la débâcle con la mancanza di denaro. “Prendo 20mila euro al mese, ma sono in rosso in banca” – rivela – “Me ne rimangono pochi, circa tremila al mese. Ho un fratello in cassa integrazione, uno disoccupato, la famiglia, l’autista e un sacco di debiti di gioco”. E confessa: “Persino la mia colf per solidarietà si è ridotta lo stipendio, da 1200 a 1000 euro al mese“. Ed infine Emilio Fede parla del Cavaliere. “Mi ha un po’ dimenticato” – afferma amaramente – “ma è normale. Non c’è più il rapporto di prima”. E sulla presunta fidanzata dell’ex premier, Francesca Pascale, dichiara: “Francy? La chiamo così per distinguerla da Francesca Cipriani. E’ una che sa stare al suo posto, non so se sia la fidanzata di Berlusconi”. E puntualizza: “Bisogna capire che spegnere la luce la sera e rimanere da soli è una grande malinconia, Silvio ha bisogno di affetto in casa”  di Gisella Ruccia