Il “pirata della strada” stavolta è un rappresentante delle forze dell’ordine. E’ successo in provincia di Rovigo. Un’ultraottantenne viene investita, ma l’automobilista si avvicina per capire come sta, scende un attimo, guarda da distante, non la soccorre e se ne. L’anziana muore poche ore dopo e l’uomo che l’ha lasciata a terra è un vigile rubano. L’investimento è avvenuto ieri sera è stato rilevato dalla polizia stradale di Badia Polesine (Rovigo).

Dalle testimonianze raccolte e dai rilievi della polstrada, l’anziana investita stava finendo di attraversare le strisce pedonali in una zona ben illuminata. A urtarla sarebbe stata una Fiat Panda di servizio della polizia municipale rodigina che si sarebbe fermata più in là, dicono le testimonianze riportate dalle testate locali. Ne è sceso un uomo al telefono che è subito ripartito, mentre l’anziana, Mirella Rondina, era a terra. I testimoni hanno chiamato i soccorsi. L’anziana è stata portata in ospedale, dove è spirata alcune ore dopo. Nel frattempo la Polstrada ha rintracciato l’auto con i segni dell’investimento e il vigile, A.L., 59 anni, che la guidava e che afferma di aver chiamato i soccorsi. Dopo essersi accertato che sarebbero arrivati, avrebbe lasciato il luogo dell’incidente senza più occuparsi della sorte dell’investita.