”Sono fiducioso che abbiamo i voti per vincere”. Il presidente Barack Obama nel giorno dell’election day è fiducioso e lo fa trasparire in visita a un piccolo comitato elettorale della sua città Chicago, da dove seguirà lo scrutinio nel suo quartier generale. Altrettanto ottimista è lo sfidante repubblicano Mitt Romney, che ha detto di sentirsi “molto molto bene” rispetto al risultato delle elezioni e da twitter ha scritto: “Un futuro migliore ci aspetta. Scegliamolo oggi”. Entrambi hanno vissuto le ultime ore prima dello scrutinio finale nelle proprie città di residenza: Obama a Chicago e Romney a Belmont, vicino Boston.

Obama nel chiudere la sua campagna elettorale si è voluto complimentare innanzitutto con i suoi supporters: ”Non vedo l’ora di leggere i risultati. Mi aspetto una buona serata”, ha aggiunto Obama. “Ma qualsiasi cosa accada – ha detto nel piccolo comitato di Chicago – voglio ringraziare i volontari. Oltre agli spot, ai duelli, è la mobilitazione della gente che conta”. Il presidente si è poi congratulato con il suo sfidante repubblicano Mitt Romney affermando: ”Voglio fare le congratulazioni al governatore Romney per l’animata campagna elettorale”. E infine si è rivolto ai cittadini americani: “Grazie al popolo americano,comunque vada”.

Obama ha affrontato l’election day dopo aver dormito nella sua casa al 5046 di Greenwood ave a Chicago e di prima mattina s’è recato nella sede di un piccolo comitato elettorale di Organizing for America, ad Harper Ave, nei pressi di Hyde Park Boulevard. Qui, con l’ultima voce che gli è rimasta, ha fatto alcune telefonate. Appena entrato nell’ufficio, ha detto ai volontari presenti: “Ok, ora al lavoro…convinciamo ancora alcuni elettori…”. Quindi, com’è capitato tante volte in queste settimane, Obama s’è messo al telefono. Stavolta ha chiamato alcuni cittadini del Wisconsin: “Buongiorno – ha detto – Annie, sono Barack Obama, il presidente…”. Poi altre telefonate, ma queste di ringraziamento a volontari. Quindi, rivolgendosi al pool di cronisti che lo segue dalla mattina alla sera, ovunque, ha chiesto serio: “Ragazzi, voi avete tutti votato, vero?”. Per la cronaca, il presidente ha già votato anticipatamente il 25 ottobre scorso nella città di Chicago. 

Mitt Romney ha vissuto il suo election day insieme alla moglie Ann nella loro residenza a Belmont, vicino Boston, dove i due risiedono. Nel corso della mattinata i due coniugi si sono recati ai seggi per votare: “Immagino sappiate per chi”, ha risposto il candidato repubblicano ai giornalisti che gli chiedevano per chi avesse votato. Romney ha anche detto di sentirsi “molto molto bene” rispetto al risultato delle elezioni. Romney nella sua giornata finale prima dello spoglio è andato in bus a Cleveland e a Pittsburgh, ultimi ‘stop’ della campagna elettorale mirati a guadagnare voti in Ohio e Pennsylvania. Dopo di che tornerà a Boston per attendere, nel quartier generale dei repubblicani, il risultato del voto. Lì lo raggiungerà anche il vice Paul Ryan che ha votato a Jenesville nel Wisconsin.