“Ne vedremo delle belle, temo. Tu và, dritto come un fuso. Corri Forrest, corri”. Sorpresa: anche Mina è grillina. O così parrebbe. La celebre cantante scrive infatti un lungo post sul blog del leader del Movimento 5 Stelle, attaccando la stampa per il trattamento riservato al comico genovese e manifestando il suo sostegno per la battaglia di Beppe Grillo. “In questo periodo – scrive Mina – ho lavorato pesantemente e mi ero imperdonabilmente distratta dalle vicende del Dolce Paese. Riaperto l’oblò, ritrovo ancora te, Beppe, nello splendore dei riflettori. Scusa, ma non eri un trascurabile, insignificante, nulla politico? E quand’anche avessi avuto qualche vocina in capitolo, non dovevi per caso essere silenziato e relegato nel cosmico cantuccio del web, secondo ordini trasversalmente e uniformemente accettati?”.

“Devo proprio essermi persa un passaggio – prosegue – Non sarà mica per la doppia cifra nei sondaggi sulle intenzioni di voto che ho visto fiammeggiare in Tg e talk show? E proprio adesso che la tecno-management-safety car sta per rientrare e i concorrenti stanno per ‘riscatenare l’inferno’? Ma guarda un po’ … Bene. Spazio a caso tra fogli di giornale attorno alle uova e memorabili pagine di televisione. E ti vedo trattato da divo”. “Com’è? A torso nudo potresti mietere il grano come Mussolini per ingraziarti i villani nell’afa? Con baffetti neri potresti urlare stermini, in apoteosi hitleriana? Con baffi un po’ più grossi, di foggia staliniana e stalinistica, ti potresti cimentare nel tiranneggiare alcune russi e ‘siberianare’ i dissidenti? Con l’acqua alla gola ingoierai lo stretto di Scilla e Cariddi in un acquatico show alla Mao? Stai rifondando ‘L’uomo qualunque‘?”.

“E’ vero – incalza la tigre di Cremona  – c’è qualcosa che fai esattamente come Mussolini, come Stalin, come Mao, come Giannini ed è bere, dormire, mangiare e, orrore, fare la cacca. Vorrei già richiudere l’oblo e impegnarmi a emulsionare una buona maionese con le uova fresche, quelle dei giornali precedentemente citati, appunto. Sarà meglio”. “Mi concedo solo un piccolo momento per un’incazzatura – prosegue la cantante, ormai da 25 anni lontana dalle scene – Che bassezza, la povertà di questa iconografia da strapazzo. Le similitudini per la tua antidemocraticità, per il tuo qualunquismo, per la tua voglia di reclamizzarti sono pezzi disordinati di ineleganza, al limite del ridicolo. O della querela. Ne vedremo delle belle, temo. Tu và, dritto come un fuso. Corri Forrest, corri…”. Firmato, Mina