“Un grande uomo che sapeva parlare alla gente, un cardinale al passo con i tempi”. Così i fedeli in fila fuori dal Duomo di Milano ricordano Carlo Maria Martini. L’ex arcivescovo di Milano, affetto da diversi anni dal morbo di Parkinson, è morto ieri rifiutando qualsiasi forma di accanimento terapeutico e di alimentazione artificiale. Una scelta condivisa da gran parte delle persone venute a rendere omaggio alla sua salma: “E’ la Chiesa a essere rimasta indietro di 200 anni”  di Luigi Franco