Era il favorito nella rosa dei nomi per il candidato repubblicano Mitt Romney che, alla fine, lo ha scelto per formare il ticket repubblicano in vista delle presidenziali Usa del 6 novembre prossimo. Si tratta del giovane esponente ultra-conservatore Paul Ryan, 42 anni, deputato eletto nel Wisconsin, economista di formazione, al Congresso ininterrottamente dal 1998. Lo hanno anticipato il notiziario televisivo Nbc News e il sito The Huffington Post, citando fonti riservatissime interne al comitato promotore della campagna elettorale dello stesso Romney. L’indiscrezione è stata poi confermata anche da fonti del partito, rigorosamente anonime.

L’ex governatore del Massachusetts, virtuale candidato del Grand Old Party, renderà comunque ufficialmente noto il nome del proprio potenziale vice verso le 9 del mattino locali, le 14 in Italia, dalla città di Norfolk, in Virginia, dove è impegnato in una serie di comizi. Sfondo scelto non a caso per l’annuncio sarà la corazzata ‘Uss Wisconsin’, una autentica ‘veterana’, già in servizio durante la II Guerra Mondiale e nella Guerra di Corea, impegnata anche nella Guerra del Golfo, nell’ambito dell’Operazione ‘Destert Storm’ contro l’allora regime iracheno di Saddam Hussein, prima della definitiva dismissione nel 1991. Ryan è noto per le sue tendenze estremamente rigide: è contrario all’interruzione di gravidanza, ai matrimoni gay e alle imposte, specie nei confronti delle società, mentre è favorevole alla privatizzazione integrale del ‘Medicare’, il programma di assicurazione medica pubblica per gli anziani in vigore negli Stati Uniti dal lontano 1965.