Nessun salvataggio è stato possibile per la galassia dell’imprenditore Salvatore Ligresti. Il tribunale Fallimentare di Milano ha dichiarato il fallimento di Imco e Sinergia, le holding personali della famiglia. Il buco che ha portato i giudici, coordinati dal presidente Filippo Lamanna, ammonterebbe a circa 110 milioni di euro (400 di indebitamento e 290 di attivi, ndr). Ieri i legali delle due società avevano chiesto ai giudici due settimane di tempo per presentare un piano di ristrutturazione del debito, ma il tribunale, con i giudici Roberto Fontana e Filippo D’Aquino, ha bocciato l’istanza. Ligresti è indagato per concorso in aggiotaggio nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta manipolazione delle azioni Premafin 

La Procura di Milano,  che aveva chiesto fallimento per le due holding dei Ligresti poco meno di due mesi fa, ieri si era opposta alla richiesta di tempo da parte di Ligresti, spiegando in sostanza che c’era incertezza riguardo agli investitori che avrebbero dovuto, secondo la bozza del piano di salvataggio, sottoscrivere le quote del fondo immobiliare Hines, il quale avrebbe dovuto accollarsi 243 milioni di debiti e versare 50 milioni cash. Inoltre, il pm aveva avanzato seri dubbi su alcune operazioni sospette ancora in atto, a suo dire, da parte di Imco e Sinergia con parti correlate, e avrebbero drenato risorse soprattutto da Milano Assicurazione.  Bocciata dunque la richiesta di rinvio per il piano di salvataggio, è scattato il fallimento delle due holding. Dovuto, secondo quanto scrivono i giudici nel provvedimento, anche alle “banche creditrici non si sono dimostrate disponibili a finanziare direttamente” l’accordo “di ristrutturazione” del debito di Imco. I magistrati spiegano inoltre che l’accordo con le banche creditrici “non è stato per nulla raggiunto”. Ma non solo, secondo i giudici c’erano “rischi di inquinamento dei valori di mercato delle partecipazioni e di aggiotaggio relativo alle società collegate, alcune delle quali quotate in borsa”. Anche per questo, secondo il collegio, non si è potuto concedere “un ulteriore differimento”, considerando anche il fatto che “la richiesta di rinvio” non era supportata “da sufficienti elementi di serietà”.

Il fallimento non dovrebbe avere conseguenze sul riassetto del gruppo Fondiaria-Sai previsto con il piano Unipol e la prevista fusione. “Le due cose – ha spiegato l’ad di Unicredit, Federico Ghizzoni prima della notizia del fallimento  sono legate dal filo conduttore della famiglia, ma le aziende sono separate”.