In attesa della via dedicata a Marcella di Folco, leader del movimento transessuale italiano, Bologna, per la prima volta, intitolerà un luogo pubblico a un attivista per i diritti lgbt (lesbiche, gay, bisex, trans). Alle 18 di sabato 25 maggio, il sindaco Virginio Merola inaugurerà il “Giardino Stefano Casagrande“, storico esponente del movimento gay, scomparso 12 anni fa. Scenografo e costumista, Casagrande è stato uno dei fondatori del Cassero e ideatore del concorso Italian Miss Alternative, che raccoglie fondi per la lotta contro l’Aids.

L’intitolazione del parchetto, che si trova nei pressi di porta sant’Isaia, fu annunciata nel 2008 ai tempi di Cofferati, e ratificata dalla giunta l’anno successivo. Nei prossimi mesi, inoltre, dovrebbe essere dedicata una via anche a Marcella di Folco, storica fondatrice del Movimento italiano transessuale.