Chiusura indagini e richiesta di rinvio a giudizio per 26 persone coinvolte negli scontri avvenuti a Roma il 14 dicembre 2010 in occasione del voto di fiducia alle Camere. Sono queste le determinazioni della Procura della Repubblica di Roma, e, in particolare, del Procuratore aggiunto Pietro Saviotti e del sostituto procuratore Luca Tescaroli che hanno seguito le indagini condotte dalla Digos della Questura di Roma con il supporto tecnico della Polizia Scientifica.

Dai riscontri probatori a carico dei 26 indagati sono stati ritenuti “sussistenti sufficienti elementi” per la configurazione di reati che vanno dalla resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento seguito da incendio, al travisamento in occasioni di manifestazioni in luogo pubblico, a manifestazione non preavvisata. In particolare, tra gli indagati figurano sei persone che gravitano nell’ambito dell’antagonismo capitolino, autori di ripetuti lanci di grossi petardi verso i contingenti delle Forze di polizia posti a sbarramento delle strade di accesso verso le sedi istituzionali.

Altre 7 persone sono state invece identificate tra gli autori di episodi di violenza verificatisi in piazza del Popolo dopo l’esito del voto. Tra gli indagati ci sono anche 8 persone provenienti da province diverse, tra cui Brescia, Verona, Messina, Padova e Udine. Tra gli episodi contestati anche il lancio di cassonetti, di segnali stradali e pubblicitari contro veicoli delle Forze dell’ordine. Sono numerosi anche gli atti di imbrattamento di edifici realizzati da alcuni indagati, per la cui identificazione sono risultati determinanti le documentazioni video-fotografiche realizzate dalla Polizia Scientifica. I provvedimenti sono in corso di notifica da parte della Digos.

Intanto ieri Fabrizio Filippi, detto ‘er pelliccia’, il ragazzo ritratto da tutti i quotidiani con il viso coperto da una sciarpa accanto ad un’auto in fiamme mentre scaglia in aria un estintore durante gli scontri di Roma del 15 ottobre scorso, è stato scarcerato. Le telecamere di ‘Pomeriggio Cinque’ lo hanno intervistato all’uscita dalla casa di reclusione. “Non vedevo l’ora di andare a casa”, queste le sue prime parole dopo l’uscita, raccolte dal programma pomeridiano condotto su Canale 5 da Barbara d’Urso. “Ho passato il tempo leggendo, guardando al televisione e ho studiato poco perché ci si distraeva facilmente in carcere”. Ha parlato anche la madre del giovane, Ornella Filippi: “L’ho abbracciato. Era stanco, sfinito, non riusciva nemmeno a parlare, era felice di essere a casa. Cosa potevo dire a mio figlio?”. Poi ha aggiunto “Il giudice è stato molto comprensivo. Diciamo che è stata una bravata. Parlerò molto con Fabrizio”.