Un soldato italiano è rimasto ferito e due guardie afghane sono state uccise in un attacco kamikaze nei pressi di Herat contro una compagnia privata di logistica che assiste le truppe occidentali nell’area. Il militare italiano, il cui ferimento è stato confermato del ministero della Difesa, si stava allontanando a piedi dall’area in cui è avvenuto l’attacco, tra l’aeroporto e il quartiere generale dell’Isaf. Due uomini armati si sono fatti esplodere all’ingresso della sede della compagnia, ha spiegato Noor Khan Nekzad, portavoce della polizia della regione, “e altri tre hanno fatto irruzione nell’edificio”.

I militari dell’Isaf hanno reagito con rapidità e diversi elicotteri si sono levati in volo per assistere i soldati impegnati sul terreno. I guerriglieri si sono asserragliati negli uffici sparando all’impazzata e un testimone ha riferito di aver visto diversi civili feriti e in fuga. I tre sono stati poi uccisi dalle forze di sicurezza.