Partiti nel rione povero di Tottenham tra sabato 6 e domenica 7 agosto, i disordini di Londra si sono poi diffusi a macchia d’olio le sere successive: soprattutto nelle periferie nord-orientali e meridionali della città, quartieri multietnici e ad alto tasso di criminalità, ma anche in pieno centro, fino alle zone eleganti e chic di Notting Hill e del West End.

Ecco una mappa dei luoghi della guerriglia:

TOTTENHAM Le violenze sono esplose in una delle zone più depresse del Regno Unito: il quartiere, con una folta presenza immigrata in prevalenza afro-caraibica, è da anni una delle zone con i più alti livelli di criminalità.

ENFIELD La seconda notte gli assalti ai negozi e gli scontri si sono spostati di qualche chilometro a Nord, nel rione residenziale all’estrema periferia settentrionale. Disordini si sono verificati anche nelle zone nord-orientali di Turnpike Lane, Walthamstow, Chingford e Leyton. Quest’ultima è una delle aree più multietniche di tutta Londra.

BRIXTON Contemporaneamente si sono registrate le prime violenze anche nella parte Sud della città, a Brixton, storico quartiere della comunità caraibica.

HACKNEY Nella terza serata, schermaglie fra polizia e giovani incappucciati nel popolare rione dell’East End. Centinaia di uomini della comunità turca e curda, molto numerosa, hanno risposto alle violenze con bastoni.

PECKHAM Inseguimenti e tafferugli sono scoppiati anche in questo quartiere meridionale, storicamente abitato dalla working class londinese, che convive oggi con numerose comunità immigrate.

CROYDON Il distretto ex industriale alla periferia esterna a Sud di Londra è oggi sede di numerosi uffici. Qui c’è stato anche un morto, un ragazzo di 26 anni ferito da colpi di arma da fuoco.

BRENT, EALING, CAMDEN, NOTTING HILL, OXFORD CIRCUS Gli scontri si sono avvicinati anche al centro: da Brent, nel nord-ovest di Londra, dove lo stadio di Wembley avrebbe dovuto ospitare la partita Inghilterra-Olanda, cancellata, le violenze hanno raggiunto Ealing, vivace centro commerciale, il quartiere alla moda di Camden e poi l’area residenziale radical-chic di Notting Hill e Oxford Circus, nel cuore della zona elegante del West End.