E’ il “sogno” il tema della sesta edizione del “capodanno dell’estate italiana”, che inaugurerà venerdì 1 luglio 2011 lungo i 110 km della Riviera Adriatica.

Dal libro dei sogni di Federico Fellini alla magia di una costa che si illumina all’imbrunire e che esplode tutta insieme in un tripudio di fuochi d’artificio a mezzanotte, un luogo insomma in cui tutto può accadere e dove, come nel Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, ad un certo punto gli artigiani mettono in scena uno spettacolo nello spettacolo.

Un’edizione che conferma importanti sinergie, dal Festival di musica e letteratura Assalti al Cuore, alla Fondazione Fellini, da Radio Deejay alla Facoltà di Lettere e Filosofia ZoneModa dell’Università di Bologna con sede a Rimini. E un’interessante novità: la collaborazione con Biografilm Festival (a Bologna dal 10 al 20 giugno, presso la Cineteca).

Un intero week end in cui due milioni di turisti stravolti dal caos cittadino, potranno fare il pieno di cultura e divertimento, grazie all’illimitata offerta della riviera romagnola, con i suoi ristoranti, stabilimenti balnerari, musei, discoteche e bar.

Dal tardo pomeriggio del 1 Luglio il sogno invaderà i luoghi più suggestivi, da Comacchio a Cattolica, passando per le spiagge di Ravenna, Cervia – Milano Marittima, Cesenatico, Gatteo Mare, Savignano Mare, San Mauro, Bellaria – Igea Marina, Rimini, Riccione e Misano Adriatico. Piazze e viali, spiagge e centri storici diventeranno palcoscenico di ben oltre 300 eventi, tutti accomunati dal tema onirico e dal suo ampio repertorio. A raccontare i loro sogni e a farli vivere al pubblico saranno i protagonisti dello spettacolo e della cultura contemporanea: cantanti, musicisti, scrittori, attori, artisti, creatori di tendenze e di mode.

Ma facciamo ordine. La Notte Rosa di Rimini si aprirà con Francesco De Gregori che, dopo il tour di “Work in Progress” assieme a  Lucio  Dalla, ritorna in concerto da solista con i più celebri brani della sua quarantennale carriera.

Dopo i fuochi di mezzanotte, immancabilmente in perfetta sincronia sui 110 chilometri di costa, sullo stesso palco salirà Noemi, una delle voci più nuove ed interessanti del  nostro panorama musicale.

Ad aspettare l’alba sulla spiaggia di Riminiterme, l’attesissimo happening con la musica d’autore: quest’anno potremo aspettare il sorgere del sole sulle note jazz di Raphael Gualazzi che, per la prima volta di nuovo insieme al trombettista Fabrizio Bosso dopo la vittoria sanremese, a proposito di sogni, presenterà il suo ultimo album, Reality and Fantasy.

Sabato 2 Luglio, l’Associazione culturale Assalti al Cuore in collaborazione con Percuotere la Mente, proporrà alla Corte degli Agostiniani un doppio appuntamento: il primo, con un ospite internazionale, Tereza Salgueiro, la voce dei Madredeus che ha incantato Wim Wenders. Voltarei à Minha è il viaggio di Tereza nella memoria della musica contemporanea portoghese e del fado. Il secondo – a seguire – accompagnato da cinque musicisti, il reading di Claudio Santamaria, uno degli attori più impegnati ed apprezzati del panorama italiano, in cui presenterà il progetto dedicato al compianto poeta e regista Pier Paolo Pasolini. Ad introdurre il reading, l’illustratore e video maker Gianluigi Toccafondo, con il suo cortometraggio Essere morti o essere vivi è la stessa cosa,  realizzato in occasione dell’anniversario della morte di Pasolini.

Si proseguirà Domenica 3 luglio con Joan As Police Woman, una tra le più significative novità della scena del rock d’autore. Affascinante e struggente la sua è senza dubbio una delle più belle voci rivelatesi negli ultimi anni, combinata ad un talento musicale decisamente sopra le righe, Joan As Police Woman presenterà a Rimini  il suo nuovo album, The Deep Field, un intimo e turbinoso viaggio sentimentale, definito dalla cantante stessa il suo disco più estroverso e gioioso. Nella stessa serata lo speciale cammeo di  Bertrand Sallé, autore dell’immagine della Notte Rosa 2011, con i visual delle sue opere, che accompagneranno il live set realizzato per l’occasione da Malvina Meinier e Vincenzo Vasi.

La collaborazione con la Fondazione Fellini di Pier Luigi Celli consentirà di realizzare uno speciale itinerario nei luoghi del Maestro riminese, con due narratori d’eccezione. Patrizio Roversi e Syusy Blady, interpreti de La voce della luna (1990), condurranno il pubblico lungo un percorso inedito e semiserio nei borghi, nelle piazze, nei luoghi più felliniani e negli scorci più evocativi del centro storico.

A Cattolica, invece, il sogno si concretizzerà con Incanti Marini – La dama della notte, lo spettacolo-evento della Compagnia Teatrale Corona – International Dance Theatre Company: per le vie della città attori e acrobati danzeranno sui trampoli mentre i loro corpi disegneranno nuvole d’acqua semoventi in uno show di immagini e musiche acquatiche in cui la danza si mescolerà con la magia del teatro. Subito dopo i fuochi di mezzanotte, La poesia dello zodiaco di Marco Pesatori, una “conversazione d’astrologia” con uno dei maggiori e più popolari astrologi italiani, l’astrologo  – culto di D di Repubblica, Vogue e della trasmissione Astrologica di Radio 2.

Mentre Misano Adriatico aprirà le danze con lo spettacolo della compagnia di performers volanti Sonics e la loro Meraviglia, Riccione replicherà il format 2010, una serata speciale il venerdì e la partecipazione del team di Radio Deejay.

Infine Bellaria Igea Marina conferma la sua Notte Rosa dei Bambini per  Sabato 2, un programma sempre molto atteso non solo dai più piccoli. Venerdì, subito dopo i fuochi di mezzanotte, al Beki Bay, l’appuntamento sarà con la musica dei Pooh e i loro più grandi successi, ospiti Cassandra e Dorina di X Factor.

A questo punto non resta che buttarsi nella mischia, per vivere una Riviera che ha costruito il suo futuro dormendo d’estate in garage per dare la camere da letto ai crucchi, paonazzi dal sole.

Sogno e orgoglio per questo territorio che, nonostante tutto, ce l’ha sempre fatta. Ha superato le macerie della guerra, la mucillagine, ha saputo crederci sempre.

Ora che si tinge di rosa, il nero della notte con una metafora colora di ottimismo il futuro dopo la grande crisi.

In fondo è proprio il messaggio che questa grande festa lancia, e mai come in questi giorni è calzante: portarsi dietro la voglia di farcela, non smettere mai di crederci, sentire che insieme si può costruire, eccome. Anche divertendosi.

Serena Viola