Inno dei Responsabili e Scilipoti show ieri alla Zanzara, su Radio 24. L’ex deputato dell’Italia dei Valori, passato nella maggioranza in occasione del voto di fiducia del 14 dicembre scorso, si è scagliato contro uno dei conduttori, David Parenzo, colpevole, a suo dire, di aver criticato l’inno di Iniziativa Responsabile. “Un inno che va bene per una sagra, per un karaoke”, ha commentato Parenzo. Scilipoti ha reagito partendo all’attacco, storpiando il nome in “Parenzio”, ha detto: “Parenzio sei un servo sciocco, al servizio solo ed esclusivamente di magliette che appartengono a una politica del passato. Parenzio deve capire che c’è qualcuno vuole cambiare questo mondo fondato sull’odio, sei un servo di una mentalità che deve criticare invece di costruire. Non costruirai mai un futuro per la tua patria, mai: la tua mentalità è distruggere, la mia è quella di costruire”.

E ancora: “Parenzio non capisci niente, sei fuori dalla logica di Cristo. Parenzio svegliati, cerca di essere qualcosa di costruttivo per i tuoi figli. Parenzio svegliati, Parenzio sei un grande mediocre. Solo per spirito di bottega e stupidità devi sostenere il contrario di quello che sto dicendo. Tu non sei vuoto, tu sei peggiore, perché capisci ma sei così in malafede. Capisci Parenzio? Io ti voglio bene, sei un essere umano, ma quello che fai è irrimediabile, dovresti essere allontanato per le cose che dici”. In un monologo durato oltre dieci minuti Scilipopti ha proseguito in una sorta di delirio.

“Tu fai il giornalista perché sei sostenuto da una parte politica. Io ti amo, ti voglio bene Parenzio. Ma sei la distruzione dei tuoi figli”. Poi, parlando della sua scelta di entrare nella maggioranza, Scilipoti ha detto: “Il 14 mi sono assunto la mia grande responsabilità di fronte al paese, alla mia coscienza, agli elettori, all’Italia, al mondo intero”. Interrotto dai conduttori, stupiti dal riferimento al “mondo intero”, Scilipoti è tornato a inveire: “Sicuramente questo governo influisce anche sull’andamento generale dell’Europa e del mondo. Parenzio dovresti leggere di più, informarti”.