“Sesso, politica e tangenti”. Sull’Espresso in edicola domani gli stralci della testimonianza di Perla Genovesi ai pm di Palermo e Milano. Perla ne esce come personaggio interno alle vicende del potere berlusconiano: dal S. Raffaele di Milano, agli uffici lombardi del Pdl, da “Il Giornale” di Paolo Berlusconi agli incontri con alcuni dei personaggi più importanti del governo. Come Ferruccio Fazio, il futuro ministro della Sanità, Sandro Bondi, dal comitato elettorale di Letizia Moratti, sino ad agganciare Renato Brunetta, di cui dice: “l’amministratore dei soldi sporchi di Forza Italia”. E’ questo ciò che emerge dai racconti dell’ ex collaboratrice del senatore di Forza Italia, Enrico Pianetta e trafficante di droga. Ora pentita, la ragazza di Parma, rempie i verbali di rivelazioni, al vaglio delle procure di Palermo e Milano.

Con Ferruccio Fazio, ai tempi primario di medicina nucleare e radioterapista all’istituto scientifico universitario fondato del S.Raffaele, Perla ebbe un incontro. Protetta del senatore Pianetta, la 32enni di Parma ottiene un incarico per occuparsi di “metabolismo regionale di glucosio in oncologia”. Fazio conferma l’incontro, ma dice che tutto avvenne in buona fede: “Mi sembrava adatta per un lavoro di due mesi per ricerche bibliografiche e di segreteria”. Ma la Genovesi ai pm dice di non sapere alcunché di oncologia, e di non essere nemmeno in grado di lavorare con la lingua inglese.

Il secondo episodio rivelato da l’Espresso riguarda l’conoscenza di Perla con il Ministro Sandro Bondi. Nel 2006 “a decidere le candidature era pure la massoneria, rivela la ragazza – Erano i massoni a gestire i politici”. La ragazza, secondo quanto racconta, avrebbe trovato riscontro a queste affermazioni parlando con un suo amico massone che lavorava per Sandro Bondi. Un rapporto nato nel 2005, si legge nei verbali, durante la ricerca di un lavoro a Sky.

E la giovane racconta anche una breve parentesi professionale a “il Giornale” di Paolo Berlusconi per la vendita di spot pubblicitari su Internet prima di cominciare a parlare di Renato Brunetta. “Per lui ho sempre avuto un’alta considerazione, nonostante sapessi che era quello che aveva amministrato i fondi neri di Forza Italia”. I pm si stupiscono per l’affermazione, ma la Genovesi non si scandalizza, come sottolinea lei stessa: si tratta di “cose che sanno tutti”. È sempre lei a presentare l’amica Nadia Macrì, che al tempo si prostituiva, a Brunetta per sostenerla in un momento di bisogno: “Brunetta – dice – invece di aiutarla ha approfittato della situazione”.

E’ la stessa Nadia a parlare del giro di escort milanese, di Silvio Berlusconi e del modo in cui nella capitale lombarda imprenditori ricevono giovani prostitute: “Lavoravo con uno che era un immobiliarista e forniva ragazze immagine a locali di Milano pagate con cento euro a sera e 500 per un’eventuale marchetta”. Ci sarebbe anche un’agenzia di modelle, il cui proprietario è uno sloveno, “che ha tante ragazze che ufficialmente fanno le hostess, ma in realtà è una copertura per la prostituzione”.