Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, vuole rivedere la legge sull’intramoenia. La norma in pratica che regolamenta le prestazioni erogate dai medici di un ospedale in regime privatistico, al di fuori dell’orario di lavoro, e che utilizzano le strutture ambulatoriali e diagnostiche dell’ospedale stesso. “La legge che c’è ora così com’è è poco limpida”, ha dichiarato Fazio in un’intervista a Radio Anch’io su Radioraiuno, “il rapporto pubblico-privato – continua il ministro – è giusto che ci sia ma va meglio regolamentato. E’ intenzione nostra adottare die provvedimenti urgenti per definire meglio la questione”.

Il capo del dicastero della salute ha fatto riferimento, poi, alla vicenda del policlinico di Messina dove due medici sono stati protagionisti di una rissa in sala parto per questioni riguardanti proprio alcuni pazienti dell’ospedale pubblico da veicolare in alcune strutture private. Rissa che ha provocato seri danni alla salute del nascituro. “Quanto successo nel policlinico siciliano è la punta dell’iceberg di questo problema – dichiara ancora Fazio – è una cosa inaccettabile non solo in sanità ma in generale e si tratta di episodi che devono servire da monito severo per andare avanti. Mi auguro che vengano presi provvedimenti il più drastici possibile per dare l’esempio. Da parte nostra – conclude – con le Regioni e gli strumenti che abbiamo a disposizione, verificheremo che ciò avvenga sempre meno e che ci sia tolleranza zero verso gli interessi privati dei medici nel sistema pubblico”.