La Procura di Milano, dopo il rigetto delle richieste di patteggiamento avanzate da Adriano, Fabio e Nicola Riva nell’ambito del procedimento con al centro il crac del gruppo che controllava l’Ilva di Taranto, avrebbe intenzione di procedere con la chiusura delle indagini, il deposito degli atti e la conseguente richiesta di rinvio a giudizio. Poi, davanti al gup in sede di udienza preliminare, le difese potrebbe provare ancora, con l’accordo dei pm, la strada del patteggiamento però con ritocchi sulle pene.

Ieri il gip di Milano, Maria Vicidomini, aveva respinto l’istanza in quanto le richieste “non possono essere accolte per assoluta incongruità delle pene concordate (…) a fronte dell’estrema gravità dei fatti contestati, costituiti (…) da plurimi reati di bancarotta fraudolenta caratterizzati da numerose distrazioni asseritamente realizzate attraverso le complesse operazioni”, ricostruite dalla Procura, “di importi rilevantissimi ai danni della società Riva Fire spa e Ilva spa”.

Il giudice non solo non ha ritenuto congrue le pene ma ha bocciato pure l’intesa, che l’ex premier Matteo Renzi alla fine di novembre aveva dato come conclusa e di lì a poco operativa, spiegando che in realtà è “una bozza di transazione” con cui i Riva lo scorso 2 dicembre hanno dato l’assenso a far rientrare in Italia il miliardo e 330 milioni di euro, in gran parte sequestrato in una delle indagini condotte dalla Gdf e congelato su un conto in Svizzera, per metterlo a disposizione della bonifica ambientale dello stabilimento tarantino. Una somma, questa, che avrebbero messo sul piatto nella convinzione di poter beneficiare di un atteggiamento più morbido nella definizione delle pene e della concessione delle attenuanti generiche, per il gip, invece, “non (…) applicabili”. In base all’intesa raggiunta tra le difese e i pm erano: 2 anni e mezzo per Adriano, tra i 4 e i 5 anni (in continuazione con una condanna già definitiva) per Fabio e circa 2 anni per Nicola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione, arrestati due sindaci nel casertano: “Mercimonio della funzione pubblica piegata a interessi privati”

prev
Articolo Successivo

Elena Ceste, Michele Buoninconti condannato a 30 anni anche nel processo d’appello per omicidio

next