Sesto San Giovanni boccia la costruzione della moschea più grande del Nord Italia. Come preannunciato in campagna elettorale, il consiglio comunale (maggioranza Fi, Fdi e Lega Nord) ha approvato con i soli voti contrari del Pd, la decadenza della concessione del diritto di superficie sull’area di via Luini per la realizzazione di quella che era stata ribattezzata “la più grande moschea del Nord Italia”.

L’amministrazione nel corso del consiglio comunale ha parlato di una serie di gravi e ripetuti inadempimenti da parte del Centro Culturale Islamico rispetto agli impegni previsti nelle convenzioni del 2013 e del 2015. In particolare viene contestato, si legge in una nota, il “mancato pagamento della somma di 320.000 euro – dei quali, 20.000 euro a saldo del diritto di superficie, 250.000 euro quale contributo per le opere aggiuntive e 50.000 euro per la monetizzazione dei parcheggi; mancato completamento della procedura di bonifica; mancato avvio della fase di realizzazione della struttura ‘Centro Culturale Islamico’ il cui inizio lavori – in base al cronoprogramma – doveva avere corso a partire dal mese di settembre 2016 e il mancato rispetto della diffida ad adempiere inviata a luglio.

E’ quindi stata deliberata la decadenza del “Centro Culturale Islamico” dalla concessione del diritto di superficie sull’area di via Luini per la realizzazione della grande moschea e dalla concessione del diritto d’uso. E’ stato inoltre deciso di procedere all’escussione delle fideiussioni, fatto salvo l’eventuale risarcimento del danno ulteriore. “Esprimo soddisfazione – ha dichiarato il sindaco Roberto Di Stefano – per il voto del Consiglio che ha portato alla risoluzione della convenzione. Desidero ringraziare la maggioranza che mi sostiene per la condivisione della delibera, pur nella differenza delle sensibilità sul tema”. Per Di Stefano è un addio definitivo al progetto: “E’ un momento importante che archivia definitivamente il progetto di costruzione della più grande moschea del Nord Italia. I gravi inadempimenti del centro islamico locale non si potevano più nascondere. Il dialogo con la comunità islamica resta aperto e intendiamo nelle prossime settimane portare avanti un tavolo interreligioso con tutte le realtà religiose del territorio. Adesso, sempre nel rispetto della legge, individueremo l’eventuale area da destinare a luogo di culto, i limiti di capienza, le dimensioni massime. Questo non significa che in quell’area sorgerà necessariamente una moschea potendo partecipare al bando qualunque ente religioso oltre alla comunità musulmana. Non ci saranno corsie preferenziali per nessuno come invece accaduto in precedenza”.