Tutti gli errori da non fare nell’autocoltivazione della cannabis: li spiega Luca Marola dei Radicali di Parma, autore del primo manuale sul tema, oggi a Roma in piazza Montecitorio. Protagoniste della mattinata sono le tecniche di semina e coltivazione della cannabis, messe in pratica in contemporanea e davanti alla Camera dei Deputati dai radicali mentre “le commissioni parlamentari decidono se mandare in Aula l’intero ddl cannabis legale o solo la parte relativa alla terapeutica”, spiega il segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi, insieme alla presidente Antonella Soldo.

Un atto di disobbedienza civile davanti al Parlamento per “scongiurare compromessi al ribasso”. La richiesta è quella di “non tradire gli oltre 60mila cittadini che hanno firmato la nostra legge di iniziativa popolare per la regolamentazione legale della produzione, del consumo e della vendita di cannabis. Legge che “ha appena superato il controllo degli uffici della Camera e presto sarà assegnata alle commissioni competenti”.

Associazione Coscioni ha partecipato questa mattina al corso di auto coltivazione di cannabis davanti alla Camera dei deputati organizzato da Radicali Italiani.

“La Presidenta Boldrini ha considerato validi i certificati digitali consegnati, un riconoscimento e un’innovazione importanti per i promotori di proposte di legge d’iniziativa popolare nonché per gli oltre 60mila cittadini che hanno sottoscritto il testo” ha dichiarato Filomena Gallo, segretario dell’Associazione Luca Coscioni –. Adesso il Parlamento ha un motivo in più per proseguire verso la legalizzazione senza accontentarsi della inutile proposta di stralcio della parte terapeutica avanzata dall’Onorevole Miotto che non propone niente di più di quanto già non proponga la legge”.