Ha litigato con il preside, ha preso un fucile a pompa ed è entrato nel liceo cominciando a sparare. Così la polizia ha ricostruito l’origine della sparatoria nell’istituto Tocqueville di Grasse, città vicina a Cannes, nel sud della Francia, e ha arrestato uno studente di 17 anni. Il giovane si chiama Kylian e frequenta il primo anno di scuola superiore. Con sé aveva anche una pistola e due granate. Dopo le prime notizie, che parlavano di diversi feriti, le fonti sul posto riferiscono di otto feriti, tra cui il preside. “Nessuno è in pericolo di vita”, affermano i vigili del fuoco. Secondo quanto riportato dal sito del quotidiano Le Figaro, “le forze dell’ordine hanno disinnescato un ordigno esplosivo preparato con della polvere nera che era stato lasciato all’interno della scuola”.

Secondo alcuni media francesi, il ragazzo avrebbe agito insieme a un complice, ancora in fuga. La polizia però esclude questa ipotesi. Gli inquirenti sono cauti anche sulla pista terrorismo e riferiscono che lo studente fermato dopo la sparatoria era ignoto agli 007 francesi. Una giornalista dell’emittente francese France 3, Sophie Neumayer, riferisce invece che il 17enne era noto ai servizi di polizia e “prima di passare all’azione avrebbe consultato dei siti internet relativi a sparatorie nelle scuole americane“. Il governo, tramite l’applicazione Saip, aveva lanciato l’allerta terrorismo, come da prassi dopo gli ultimi attentati che hanno colpito la Francia. La protezione civile della regione francese delle Alpi Marittime, responsabile per la città di Grasse, ha invitato su Twitter i residenti a restare a casa. “Nessun panico, solo prudenza e calma”.