Un livello record di radiazioni è stato rilevato all’interno del reattore numero 2 della centrale nucleare giapponese di Fukushima, in fase di smantellamento dopo il disastro dell’11 marzo 2011, dopo il terremoto di magnitudo 9 e il successivo tsunami che provocò più di 15mila vittime accertate5mila dispersi e altrettanti feriti a causa della fusione dei noccioli dei reattori 1, 2 e 3. Il disastro che ha travolto gran parte della prefettura orientale nipponica è considerato il peggiore incidente nucleare della storia dopo quello di Chernobyl, in Ucraina, del 1986. A rendere noto l’attuale livello altissimo di radiazioni, “letali anche dopo una breve esposizione”, è l’operatore dell’impianto, la Tokyo Electric Power. La Tepco ha spiegato che le rilevazioni hanno raggiunto i 530 sievert/ora. Dal 2011 ad oggi solo il 13% degli abitanti di cinque villaggi della zona è tornato nelle proprie case.

L’azienda – riferisce il Japan Times – ha spiegato che una falla di circa due metri è stata trovata lungo una grata metallica sotto il contenitore a pressione del reattore, un danno probabilmente causato dal “combustibile esausto” rilasciato dal contenitore. La nuova misurazione è stata giudicata dagli specialisti come “inimmaginabile”, e supera di gran lunga il livello di 73 sievert all’ora raggiunto precedentemente all’interno del reattore. Secondo l’Istituto giapponese di Scienze Radiologiche un’esposizione di 4 sievert ucciderebbe una persona su 2. Essere esposti a 1 sievert potrebbe condurre a impotenza, perdita di capelli e cataratta.

La recente scoperta della Tepco evidenzia le difficoltà estreme in cui si muove l’operatore nel rimuovere i detriti del combustibile nucleare contenuto nelle vasche di contenimento all’interno dei reattori. La società giapponese avrebbe dovuto iniziare nelle prossime settimane i test di rilevazione con un robot comandato a distanza, ma la recente scoperta e l’attuale livello di radiazioni non consentirebbe alla macchina di operare per più di 2 ore, prima di venire distrutta dalle emissioni.