L’imperatore del Giappone Akihito si è detto pronto ad abdicare vista l’età e i problemi di salute. Non lo ha detto esplicitamente ma lo ha lasciato intendere in un rarissimo e atteso video messaggio registrato alla nazione di 10 minuti, nel quale l’82enne sovrano del Sol Levante ha espresso la preoccupazione riguardo le possibili difficoltà che potrà incontrare in futuro a svolgere le sue funzioni imperiali nel caso si verifichi una situazione critica con pesanti e negativi effetti sulla società.

E’ la seconda volta negli ultimi 27 anni che Akihito si rivolge pubblicamente alla nazione dopo il “richiamo all’unità” seguito al devastante sisma/tsunami dell’11 marzo 2011, alla base della crisi nucleare di Fukushima.

Akihito è stato il primo imperatore giapponese a salire al trono privo di prerogative divine, dopo la rinuncia fatta dal padre, l’imperatore Hirohito, nel gennaio del 1946 nella celebre “Dichiarazione della natura umana dell’imperatore”. Dopo la morte di Hirohito, il principe Akihito, primo di cinque figli maschi, ascese al trono il 12 novembre del 1990, diventando il 125esimo monarca del Giappone. Dal 1959 è sposato con Michiko Shoda, prima cittadina comune a divenire imperatrice.

Durante il suo regno si è impegnato molto nell’attività politica, puntando soprattutto ad avvicinare la figura dell’imperatore, e la famiglia imperiale, al popolo compiendo molti viaggi sia all’estero che nelle 47 prefetture del Paese. Storiche le sue scuse rivolte alla Corea e alla Cina per i danni e le sofferenze causate dall’occupazione giapponese.