Il 20 maggio scorso, Jesse Olivieri alle 15,06 tentò di entrare armato di pistola nel perimetro della Casa Bianca. Il ragazzo, un trentenne della Pennsylvania, fu subito colpito al torace da un agente del ‘secret service’. Poi per un’ora la Casa Bianca, al cui interno non c’era Barack Obama, rimase in stato di ‘lockdown’, con nessuno che poteva entrare o uscire dal complesso. A quanto pare Olivieri stava ricevendo cure psichiatriche. Ora la stessa Casa Bianca ha diffuso il video con il colpo inferto a Olivieri che è sopravvissuto al colpo e si sta difendendo in tribunale dall’accusa di resistenza armata a pubblico ufficiale che può portarlo a una sentenza massima di 20 anni di prigione
(LE IMMAGINI POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITA’)