Storica dirigente della sinistra, la rifugiata somala Maryan Ismail è un punto di riferimento delle comunità degli immigrati, nella lista Pd per le amministrative è peggio piazzata della sua rivale Sumaya Abdel Qader, leader in ascesa della galassia Ucoii che corre al sesto posto nella lista dem. Da sempre in prima linea nella battaglia contro il fondamentalismo islamico che gli ha pure ammazzato il fratello. “Conosco e combatto l’estremismo militante, ma anche quello in giacca e cravatta”  di Lorenzo Galeazzi