Da capo della polizia a presidente della Repubblica. Questa la rivoluzione ai vertici delle istituzioni del Vietnam. Train Dai Quang, candidato unico, è stato infatti eletto dall’assemblea nazionale ricevendo 436 voti su 465 totali. La sua nomina era stata decisa a gennaio durante il congresso del Partito comunista. “Porterò avanti con decisione e perseveranza la lotta per difendere con fermezza l’indipendenza del Paese, la sovranità, l’integrità territoriale, gli interessi e la sicurezza nazionale”, ha affermato durante il primo discorso tv.

Quang, 59 anni, oltre ad essere generale di polizia era anche ministro della Pubblica sicurezza. Sarà in carica per cinque anni e, oltre al ruolo di capo della Stato, ricoprirà anche quello di capo comandante delle forze armate. Il primo ministro, invece, verrà eletto la prossima settimana e sovrintenderà anche all’economia. Tra i primi appuntamenti del nuovo capo di Stato ci sarà l’incontro con Barack Obama, in programma a maggio, prima visita di un presidente statunitense in Vietnam da circa 10 anni.